IT | EN

Un Giorno a Modena

La Guida di Modena

Un Giorno a Modena

Un solo giorno a Modena?
Ecco delle idee su che cosa fare!


 

 

 
 

Arrivando dalla stazione dei treni, percorrete via Crispi sino al Tempio dei Caduti, monumentale esempio di stile neoromanico. Di lì prendete a sinistra e raggiungete il Museo Casa Enzo Ferrari°°: il luogo in cui nacque il Drake è un museo all’avanguardia, un paradiso per gli appassionati della meccanica, grande tradizione di questa terra di motori.

Avviandovi poi verso il centro storico, lungo corso Vittorio Emanuele° potrete ammirare delle belle residenze settecentesche, come Palazzo D’Aragona Coccapani°, incontrando poi il retro dell’enorme Palazzo Ducale°°, uno dei maggiori edifici barocchi d’Italia, già sede del Principe al tempo dello stato estense.

Circumnavigandolo, si aprono Piazza San Domenico° e Piazza Roma°° (su cui la straordinaria facciata del Palazzo Ducale°°), poi, attraverso via Farini°, arrivate alla strada che, come una spina dorsale, taglia trasversalmente la città, la via Emilia°°.

Prendendo a destra, la romantica Piazza Mazzini°°, con belle dimore liberty, già ghetto ebraico (da cui la Sinagoga), fronteggia il Palazzo Comunale e il sito UNESCO. Visitate il Duomo millenario, capolavoro mondiale del Romanico, e la sua slanciata torre Ghirlandina. Se vi interessa, entrate ai Musei del Duomo°° per avere un’idea del tesoro della Cattedrale.

A pochi metri da Piazza Grande, il mercato coperto Albinelli°°, in stile liberty, è un vivace e variopinto ritrovo mattutino dove si possono trovare le specialità della famosa cucina tipica modenese. Poco oltre, la chiesa di San Bartolomeo°°, lungo la bella via dei Servi°, è barocca. Perdetevi un po’ nelle stradine di questa parte vecchia del centro storico, passeggiate sotto i portici e nelle piazzette. Spingetevi fino al monastero di San Pietro°°, soffermatevi lungo il sinuoso corso Canal Chiaro°° o in piazzetta San Giacomo°.

Raggiungete poi, magari tramite via Carteria (dov’è la bella chiesetta di San Barnaba°°) o Rua Muro° (la strada rinascimentale), piazza Sant’Agostino°°. Qui meritano una visita l’omonima chiesa°°, Pantheon di Casa d’Este, e il Palazzo dei Musei°°. In particolare, entrate alla Galleria Estense°°, una delle maggiori in Italia, ad osservare i capolavori dei più famosi artisti della storia dell’arte a livello mondiale, o documentatevi sulla storia cittadina ai Musei Civici°°.

Spingetevi poi al Foro Boario°°, il lunghissimo mercato ottocentesco del bestiame, e rientrate nell’animata piazza della Pomposa°. Percorrendo via Taglio, ritornate al Palazzo Ducale°° e proseguite sino a corso Canal Grande°°: ammirate la Palazzina dei Giardini Ducali°°Palazzo Santa Margherita°, il Teatro Comunale Luciano Pavarotti°°, testimone di Modena come terra di belcanto, la chiesa di San Vincenzo°° e le tante dimore storiche.

Di lì allungatevi sino alla chiesa di San Biagio°°, poi ritornate sulla via Emilia°° e passeggiate infine nel luogo di ritrovo preferito dai modenesi: il portico del Collegio San Carlo°°.

Già così – ciccando sui link del testo soprastante per avere le relative informazioni – potrete avere un’idea abbastanza completa della città. Per tutto il resto (che è moltissimo), non esitate a navigare le pagine de ‘laguidadimodena.it’!

 

 

Nella cartina, in blu è segnato il percorso consigliato. | Cliccando sull'immagine si accede alla pagina con la mappa ingrandibile.

 

 

[Le immagini contrassegnate con 'laguidadimodena.it' sono dell'Autore, le altre sono state gentilmente concesse dalle Istituzioni cui si riferiscono: in calce alle rispettive pagine si possono consultare i copyright. Tutte le immagini del sito NON sono liberamente utilizzabili]